Perché il cost saving aziendale passa per i consumi

Scritto da Redazione on . Postato in News

Cost saving aziendaleSi chiama cost saving aziendale ed è una parola chiave per la buona gestione di un’impresa. Il concetto di cost saving si accompagna alla crescente domanda di soluzioni per il taglio dei costi fissi da parte delle imprese. Costi fissi che passano prima di tutto per i consumi energetici di gas e luce. Al di là della tassazione sul fatturato lordo, le spese fisse per alimentare i macchinari, riscaldare gli uffici, illuminare magazzini e capannoni, muovere i mezzi di trasporto e così via, rappresentano infatti nella stragrande maggioranza dei casi la prima e più consistente voce nel budget di un’azienda. È qui che le aziende devono concentrare il tiro e adottare una politica di cost saving mirata. A volte basta davvero poco, si pensi ad esempio all’esenzione su accise energetiche non dovute, che pesa per il 6-7% circa sul totale dei consumi. O alle tante opportunità offerte dal mercato dei certificati bianchi, con veri e propri bonus fiscali alle aziende più efficienti.

I benefici per chi sceglie il “cost saving energy”

Nel cost saving rientrano le numerose pratiche di cost saving energy: dall’installazione di un impianto fotovoltaico sul tetto del capannone alla sostituzione delle vecchie lampade con sistemi a LED, dalla scelta di veicoli ibridi ed elettrici alle agevolazioni sulla fornitura di gas ed energia elettrica. Occasioni di risparmio date non solo dalla riduzione delle spese in bolletta, ma anche da una migliore gestione dei consumi e dalla possibilità di accedere a incentivi governativi e regionali (in testa, ancora una volta, i titoli di efficienza energetica). ll cost saving diventa in quest’ottica un percorso strategico di risparmio di lungo termine, che tiene conto di ogni più piccola opportunità per ridurre la spesa legata al consumo di luce e gas in azienda.

E non è detto che risparmio voglia dire per forza di cose taglio dei consumi. Come sanno bene i lettori delle nostre news, sono previsti sconti fino al 30% in bolletta anche per le aziende energivore. Sconti talmente allettanti che, se sussistono le condizioni, spesso vale la pena affrontare l’iter burocratico e diventare aziende energivore, cos・ da essere inclusi nella lista di chi gode di questa forma di incentivo. Alla base di simili scelte c’・ per tutti l’assistenza di un partner specializzato, in grado di fornire consulenza su misura per un cost saving all’altezza delle aspettative, in ogni settore e per molteplici servizi.

Trackback dal tuo sito.

WP ENERGY SRL